STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO TOSCANINI

Art. 1 – Costituzione e durata

Si è costituito in Chiari, con durata illimitata, l’Associazione Genitori (d’ora in poi Associazione) Istituto Toscanini.

Art. 2 – Sede

La sede legale, direttiva ed amministrativa dell’Associazione è presso l’Istituto stesso in via Roccafranca,7/b – 25032 – Chiari (BS).

Art. 3 – Identità

L’ Associazione ha una struttura democratica ed è un organo indipendente da ogni organizzazione, che agisce nel rispetto dei valori sanciti dalla Costituzione Italiana ed è basata sulla solidarietà e sulla partecipazione. Pertanto l’Associazione è apartitica, asindacale, aconfessionale e non persegue fini di lucro.

Art. 4 – Finalità e scopi

L’ Associazione persegue finalità di carattere Sociale, civile e culturale. Scopi dell’Associazione sono:

  1. Individuare e approfondire quanto concerne il bene e l’interesse degli alunni sotto il profilo educativo, sociale, culturale, etico, fisico e psicologico;
  2. Stimolare la costituzione di tutti quegli organismi attraverso i quali può realizzarsi la partecipazione della famiglia alla vita della Scuola e della comunità Sociale;
  3. Favorire la collaborazione tra l’istituzione scolastica e la famiglia;
  4. Intervenire a sostegno degli Organi collegiali dell’Istituto presso le autorità competenti per proporre idonee soluzioni ai problemi relativi alla Scuola ed al territorio che rientra nella sua sfera di azione;
  5. Promuovere iniziative di sensibilizzazione e formazione al servizio delle famiglie in relazione ai loro compiti Sociali ed educativi.
  6. Promuovere iniziative atte a reperire fondi per il conseguimento delle finalità sopra elencate.

Art. 5 – Organi

Sono organi dell’Associazione

  1. l’Assemblea;
  2. il Comitato Esecutivo;
  3. Il Presidente.

Art. 6 – Anno Sociale

L’Anno Sociale ha durata pari a quello dell’anno scolastico di riferimento.

Art. 7 – Componenti – requisiti – modalità di adesione e condizioni

Sono ammessi a far parte dell’Associazione tutti i genitori degli alunni iscritti nei plessi dell’Istituto Comprensivo Toscanini di Chiari (Bs), o chi ne fa le veci, che accettano gli articoli dello statuto, che condividono gli scopi dell’Associazione e si impegnino a dedicare una parte del loro tempo per il loro raggiungimento.

L’organo competente a deliberare sulle domande di ammissione degli aspiranti soci è il Comitato Esecutivo. L’ammissione all’Associazione è deliberata dal Comitato Esecutivo su domanda scritta del richiedente nella quale dovrà specificare le proprie complete generalità. Tutti i dati personali raccolti saranno soggetti alla riservatezza e di impiegati per le solo finalità dell’Associazione previo assenso scritto del socio. Il diniego va motivato.

All’atto dell’ammissione il socio si impegna al versamento della quota associativa annuale nella misura fissata dal Comitato Esecutivo ed approvata in sede di bilancio dell’Assemblea ordinaria, al rispetto dello Statuto e dei regolamenti emanati.

Ci sono quattro categorie di soci:

  • Soci fondatori: coloro che sono intervenuti alla costituzione dell’Associazione, hanno diritto di voto, sono eleggibili alle cariche sociali, la loro qualità di soci ha carattere di perpetuità, non è soggetta ad iscrizione annuale ma solo al pagamento della quota sociale.
  • Soci ordinari: coloro che hanno chiesto e ottenuto la qualifica di socio al Comitato Esecutivo; hanno diritto di voto e sono eleggibili alle cariche sociali. La loro qualità di soci ordinari è subordinata all’iscrizione e al pagamento della quota sociale.
  • Soci Sostenitori coloro che in modo materiale o economico contribuiscono alla vita economica dell’Associazione, potendo essere anche entità giuridiche.
  • Soci Onorari coloro che hanno prestato servizi, aiuti e sostegno continuativo all’Associazione e all’ Istituto Comprensivo Toscanini o persone che, cessato lo status di genitore di uno studente dell’Istituto, vogliano continuare a farne parte.

Il Comitato Esecutivo nomina i Soci Sostenitori e Onorari previa ratifica dell’Assemblea.

Il numero dei soci è illimitato.

L’adesione all’Associazione attribuisce la qualifica di Socio e comporta l’accettazione del presente Statuto in forma scritta.

I soci sono tenuti al pagamento della quota sociale entro 10 giorni dall’iscrizione.

Art. 8 – Diritti dei soci

I soci aderenti all’Associazione hanno diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi. Tutti i soci hanno i diritti di informazione e di controllo stabiliti dalle leggi del presente statuto.

Tutti i soci hanno diritto di accesso ai documenti, delibere, bilanci, rendiconti e registri dell’Associazione. Tutti i soci hanno diritto ad un voto nelle Assemblee Ordinarie e Straordinarie.

Art. 9 – Doveri dei soci

Gli aderenti svolgeranno la propria attività nell’Associazione in modo personale, volontario e gratuito senza fini di lucro, in ragione delle esigenze e disponibilità personale dichiarate.

Il comportamento del socio verso gli altri aderenti ed all’esterno dell’Associazione deve essere animato da spirito di solidarietà ed attuato con coerenza, buona fede, onestà, probità e rigore morale, nel rispetto del presente Statuto e delle linee programmatiche emanate.

Art. 10 – Soci: decadenza e recesso

La qualità di Socio non è trasmissibile e si perde per:

  1. Morte del Socio;
  2. Recesso, mediante comunicazione scritta da inviare al Comitato Esecutivo. Il recesso ha effetto dalla data di chiusura dell’esercizio sociale nel corso del quale è stato esercitato;
  3. Esclusione, in seguito a delibera del Comitato Esecutivo, secondo quanto previsto al successivo punto 10. dell’Art. 17;
  4. Perdita dei requisiti di cui all’Art. 7 in base ai quali è avvenuta l’ammissione;
  5. Scioglimento dell’Associazione.

Art. 11 – Sanzioni

Le sanzioni disciplinari devono essere deliberate dal Comitato Esecutivo, a sua discrezione, e consistono in:

  1. Deplorazione scritta;
  2. Sospensione (con durata da uno a sei mesi);

Prima di procedere all’applicazione dell’esclusione il Comitato Esecutivo convoca il Socio per un’audizione; il Comitato Esecutivo delibera la sanzione prescelta anche nel caso di assenza del Socio alla suddetta audizione.

Art. 12– Assemblea: composizione

Fanno parte dell’Assemblea, con diritto di voto, tutti i Soci. Possono partecipare, con diritto di parola, il dirigente scolastico ed i docenti di Istituto (Art. 45, comma 8 D.P.R. 31.5.74 n. 416 e sue successive modificazioni).

Art. 13 – Convocazione e svolgimento

L’Assemblea è convocata dal Presidente almeno una volta al quadrimestre in via ordinaria, ed ogni volta lo ritenga necessario il Comitato Esecutivo, su richiesta di almeno tre membri. L’Assemblea è presieduta dal Presidente eletto ai sensi dell’art. 17 lettera 1) e, in sua assenza, dal Vice presidente. Il Presidente dell’Assemblea propone, di volta in volta, le modalità di votazione salvo che l’Assemblea decida diversamente e salvi i casi espressamente previsti dal presente Statuto.

L’avviso di convocazione deve essere esposto all’entrata principale di tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo Toscanini di Chiari (BS) e ogni altro mezzo idoneo a garantire la tempestività dell’informazione, con indicazione del luogo, del giorno e ora della riunione, nel rispetto del termine dei 10 giorni.

L’orario dovrà essere compatibile con la normale attività lavorativa dei genitori.

Art. 14 – Assemblea: competenze e deliberazioni

L’Assemblea ha tutti i poteri deliberativi. L’Assemblea, quale organo supremo dell’Associazione, rappresenta i genitori degli alunni di tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo Toscanini di Chiari, con le modalità e le finalità previste dal presente Statuto.

In seduta ordinaria, sono suoi compiti particolari:

  1. Eleggere il Comitato Esecutivo;
  2. Fissare e rendere note le direttive generali e gli obiettivi per l’anno scolastico di competenza;
  3. Approvare i bilanci preventivo e consuntivo, redatti dal Comitato Esecutivo ai sensi dell’art. 17 p.to 7;
  4. Deliberare su ogni altro argomento posto all’ordine del giorno.

In seduta straordinaria:

  1. Delibera le modifiche al presente Statuto;
  2. Delibera lo scioglimento dell’Associazione; in questo caso essa dovrà indicare la destinazione del patrimonio Sociale, se esistente. È escluso ogni diritto dei Soci sul patrimonio Sociale.
  3. Delibera su ogni altro argomento posto all’ordine del giorno.

L’assemblea, sia in seduta ordinaria che straordinaria, è valida, in prima convocazione, quando siano presenti almeno il 30% dei soci e, in seconda convocazione – che può essere indetta mezz’ora dopo la prima – qualunque sia il numero degli intervenuti.

L’Assemblea delibera a maggioranza dei presenti, se in seduta ordinaria, oppure con il voto favorevole del 75% degli intervenuti se in seduta straordinaria. Le deliberazioni sono prese, di norma, con voto palese e non sono ammesse deleghe. La prima Assemblea di ogni nuovo anno scolastico procede all’elezione del Comitato Esecutivo e deve essere indetta entro 30 giorni dall’inizio dell’anno scolastico. In questo caso la norma è la votazione a scrutinio segreto, a meno che l’Assemblea stessa non opti per altre modalità di voto. Fino alle nuove elezioni, restano in carica i Soci eletti nell’anno scolastico precedente. All’Assemblea possono essere invitati, su proposta del Comitato Esecutivo, partecipanti esterni per argomenti particolari e specialistici di interesse collettivo. Ogni partecipante ha diritto di parola.

Art. 15 – Comitato Esecutivo: composizione

È composto da un minimo di otto a un massimo di quindici membri. Ne fanno parte il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario, il Tesoriere e un numero di consiglieri che può variare da quattro a undici. Resta in carica per un anno Sociale e prevede rieleggibilità. Solo per il primo mandato i componenti restano in carica dal momento dell’elezione fino a settembre dell’anno seguente. Dal secondo mandato i componenti restano in carica per l’intero anno scolastico. Le cariche di Presidente, di Vice-Presidente, di Tesoriere e di Segretario non sono cumulabili. L’Assemblea Ordinaria vota i candidati per ogni carica ed elegge coloro che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze. Ogni Socio può esprimere fino ad un massimo di 10 preferenze. Del Comitato Esecutivo fanno parte di diritto, a titolo consultivo e con diritto di parola: i soci coordinatori di ogni Commissione, se nominati. Il Presidente, per motivate esigenze operative e sentito il Comitato Esecutivo, può allargare l’invito ai lavori anche ai rappresentanti di classe e dei genitori del Consiglio d’Istituto.

Art. 16 – Comitato Esecutivo: convocazione e validità

Il Comitato Esecutivo è convocato dal Presidente dell’Associazione, che lo presiede, almeno una volta al quadrimestre e tutte le volte che lo richieda almeno il 25 per cento dei suoi componenti. L’avviso di comunicazione può essere trasmesso anche per le vie brevi, almeno 5 giorni prima della riunione, e deve contenere gli argomenti da trattare, il luogo, il giorno e l’ora della riunione. Le sedute sono valide se risulta presente la maggioranza dei componenti. Non sono ammesse deleghe. Ciascun membro del Comitato Esecutivo ha diritto ad un voto. Nelle votazioni palesi, in caso di parità, prevale la parte che comprende il voto del Presidente. Nelle votazioni segrete la votazione sarà ripetuta e, in caso di ulteriore parità, la proposta si intenderà respinta. Le votazioni del Comitato Esecutivo sono di norma palesi, salvo che richiedano diversamente il Presidente oppure il 25 per cento dei presenti e salvo che riguardino persone. Di ogni riunione del Comitato esecutivo deve essere redatto il verbale da apporre in apposito registro.

Art. 17 – Comitato Esecutivo: competenze

Spetta al Comitato Esecutivo lo svolgimento di ogni azione resa necessaria per il conseguimento delle direttive tracciate dall’Assemblea. In particolare spetta al Comitato Esecutivo:

  1. Eleggere tra i propri componenti, a scrutinio segreto, il Presidente, il Vice Presidente, il Tesoriere e il Segretario. Le cariche di Tesoriere e Segretario non sono cumulabili sulla stessa persona e può essere nominato un Vice Tesoriere.
  2. Dare il suo parere su ogni oggetto sottoposto al suo esame dal Presidente;
  3. Costituire Commissioni a carattere permanente o temporaneo;
  4. Effettuare liberalità nei confronti dei plessi dell’Istituto Comprensivo Toscanini di Chiari;
  5. Tenere i collegamenti con le altre scuole e Associazioni dei genitori del territorio;
  6. Destinare risorse ad iniziative ed eventi promossi e/o organizzati dall’Associazione, informandone l’assemblea nella prima riunione possibile;
  7. Predisporre annualmente la relazione finanziaria, nonché i bilanci consuntivo e preventivo;
  8. Approvare e modificare i regolamenti interni;
  9. Costituire un fondo di solidarietà, il cui utilizzo dovrà essere normato da apposito regolamento;
  10. Sanzionare il socio con le modalità previste all’art. 11.

Art. 18 – Comitato Esecutivo: dimissioni

Qualora nel corso dell’anno si verifichino dimissioni o decadenza dalla carica da parte di uno o più Membri del Comitato Esecutivo, entreranno in carica i candidati non eletti che nelle ultime votazioni avranno riportato il maggior numero di voti. In assenza di aventi diritto il Comitato Esecutivo ha validità fino a 8 componenti. Art. 19 – Presidente

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione ed è il responsabile della sua amministrazione. Ha potere di firma, che può delegare ad un membro del Comitato Esecutivo (Vice Presidente).

II Presidente presiede le Assemblee dei Soci e il Comitato Esecutivo, in caso di impedimento temporaneo viene sostituito dal Vice Presidente. Attua le deliberazioni dell’Assemblea e del Comitato Esecutivo ed adotta i provvedimenti necessari per il conseguimento dei fini Sociali. Ha la facoltà di agire e resistere in giudizio e nomina avvocati e procuratori alle liti. Il Presidente uscente resta in carica sino alla nomina di quello successivo e indice e presiede l’Assemblea elettiva di inizio anno. Non può disporre direttamente della cassa dell’Associazione, ma deve fare riferimento al Tesoriere. In caso di vacanza della carica di Presidente, il Vice Presidente ne assume le funzioni quale Presidente Interinale e convoca, entro trenta giorni dalla vacanza, il Comitato Esecutivo che provvede all’elezione del nuovo Presidente.

Art. 20 – Tesoriere

Il Tesoriere è il responsabile della cassa dell’Associazione. Redige almeno due situazioni di cassa, una all’inizio dell’anno scolastico di riferimento ed uno alla fine.

Art. 21 – Segretario

Il Segretario, coadiuva il Presidente nell’espletamento del proprio mandato.

Redige i verbali dell’Assemblea e del Comitato Esecutivo e li sottoscrive assieme al Presidente. Il Verbale dell’Assemblea, una volta approvato dall’assemblea successiva, sarà inviato in copia a tutti i Soci. Copia dello stesso verrà affissa all’albo pretorio on line dell’Istituto.

Art. 22 – Patrimonio Sociale

Il patrimonio Sociale è formato:

  1. Dalle somme accantonate per qualsiasi scopo, fino a che non siano erogate
  2. Dai beni mobili ed immobili, dai valori che, per acquisto, lasciti, liberalità o comunque vengono in possesso dell’Assemblea.

Tutto il patrimonio è finalizzato alla realizzazione di progetti e/o attività conformi all’art. 4. Art. 23 – Destinazione fondi

Le attività di reperimento fondi e quelle di impiego degli stessi, devono essere finalizzate, a titolo di esempio:

  1. a beneficio degli alunni nel loro insieme;
  2. ad integrare e migliorare le opportunità già presenti ed offerte dalla scuola, sia in termini di didattica che di attrezzature;
  3. a creare nuove opportunità, sia in termini di didattica che di attrezzature;
  4. alla collaborazione con il corpo docente in base a progetti condivisi.

Art. 24 – Entrate

Le entrate dell’Associazione sono costituite:

  1. Da versamenti liberamente effettuati dai genitori;
  2. Da introiti provenienti da attività di vario tipo, comunque sempre implicanti attività educative, formative o ludiche degli alunni.
  3. Da liberalità di soggetti terzi che condividendo gli scopi e le finalità dell’Associazione desiderino contribuire all’attività della stessa.

Art. 25 – Gratuità cariche

Tutte le cariche elettive sono gratuite.

Art. 26 – Commissioni

Il Comitato Esecutivo ha facoltà di costituire Commissioni a carattere permanente o temporaneo. Ad ogni commissione deve essere preposto un responsabile che la coordini e che risponda al Comitato Esecutivo della sua attività. Non esiste incompatibilità tra la carica di coordinatore e quella di membro del Comitato Esecutivo.

Art. 27 – Modifiche

Le modifiche al presente Statuto sono proposte dal Comitato Esecutivo e sono deliberate dall’Assemblea con le maggioranze previste all’ art. 14. Il testo del nuovo statuto verrà reso disponibile a tutti i Soci.

Art. 28 – Disposizioni finali

Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le disposizioni del Codice Civile.

Art. 29 – Norma transitoria

I Soci fondatori indicono e convocano la prima assemblea dell’Associazione entro 30 giorni dall’atto costitutivo della stessa. Le spese di registrazione dell’atto costitutivo dell’Associazione e quelle ad esso conseguenti saranno a carico dei Soci fondatori.